Saxo News Saxo News
Product updates
giovedì 27 ottobre 2016

Regole di condotta sul mercato

​Informazioni sulla Condotta di MercatoA livello mondiale, c’è una sempre maggiore attenzione da parte delle autorità preposte alla regolamentazione del sist...

​Informazioni sulla Condotta di Mercato

A livello mondiale, c’è una sempre maggiore attenzione da parte delle autorità preposte alla regolamentazione del sistema finanziario nei confronti delle regole di condotta sui mercati. Di conseguenza, nuove regole entrano in vigore su base continuativa. Tra queste, la più recente è la La disciplina del “Market Abuse”.

In qualità di cliente di Saxo Bank, è fondamentale comprendere le regole da rispettare. Di seguito trovi una panoramica delle regole e una lista non esaustiva di situazioni da evitare per essere in linea con tali regole.

 

Regole di condotta sul mercato

La regolamentazione dei mercati finanziari e le regole di condotta sul mercato hanno l’obiettivo di garantire la fiducia e l’integrità dei mercati, per promuoverne l’efficienza e la trasparenza. Esistono regole specifiche che proibiscono l’utilizzo di informazioni privilegiate e varie forme di manipolazione del mercato. 

Le regole di applicano a tutti gli individui e le entità legali. La responsabilità di rispettare le norme specifiche è esclusivamente in capo al singolo partecipante al mercato, ad esempio tu in quanto nostro cliente.

L’attività di trading viene monitorata e qualsiasi attività sospetta verrà analizzata dalle autorità competenti.

Di seguito un elenco non esaustivo di esempi di condotta che violano le regole:

  • Sfruttare informazioni price sensitive non pubbliche riguardati una società per trarre profitto o non incorrere in perdite attraverso l’acquisto o la vendita di azioni e/o prodotti derivati o cercare di utilizzare tali informazioni in qualsiasi altro modo (insider trading).
  • Diffondere informazioni privilegiate.
  • Diffondere informazioni false o tendenziose su aspetti di fondamentale importanza riguardanti un titolo (ad esempio gli utili di una società, carenza o eccesso di scorte, …).
  • Diffondere informazioni false o tendenziose, voci o messaggi che potrebbero influenzare l’andamento del prezzo di un titolo con l’intenzione di tratte vantaggio da tale movimento di prezzo.
  • Inserire ordini a bassi volumi con prezzi progressivamente più alti in modo da simulare un aumento della domanda oltre all’aumento dei prezzi (“painting the tape”).
  • Acquistare e vendere contemporaneamente gli stessi titoli per conto di un unico beneficiario in modo da inviare segnali falsi o tendenziosi riguardanti l’offerta, la domanda, o il prezzo di mercato dei titoli (“wash trades”).
  • Distorcere la liquidità o i prezzi inserendo ordini uguali ma opposti in vendita e acquisto dello stesso titolo, previo accordo tra un certo numero di soggetti (“matched orders” o “daisy chains”).
  • Comprimere il mercato con grandi posizioni (“cornering”) o attraverso il deposito di titoli presso terzi (“parking”) in modo da distorcere il prezzo dei titoli (“creating a squeeze”).
  • Comprare o vendere titoli poco prima della chiusura del mercato con l’intenzione di influenzare il prezzo di chiusura (“marking the close”).
  • Comprare o vendere titoli al fine di modificarne i prezzi (“ramping”) o mantenerli ad un livello specifico (“capping”, “pegging”).
  • Influenzare i prezzi delle materie prime, al fine di dare indicazioni false o tendenziose sull’offerta o sulla domanda dei titoli.
  • Inserire gli ordini senza intenzione di eseguirli (“spoofing”).
  • Immettere un ordine nascosto (ossia non visibile nel book di negoziazione) da un lato del mercato (ad esempio in acquisto) e un altro ordine palese (quindi visibile nel book) dall’altro lato del mercato (ad esempio in vendita) in modo da indurre gli altri trader a pensare che il mercato si stia muovendo verso un ribasso del prezzo e ad agire di conseguenza (“layering”).
  • Cercare di abbassare il prezzo di un titolo con imponenti ordini di vendita o vendendo allo scoperto (“Bear raiding”).

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni sulla regolamentazione visita i siti dei seguenti mercati: